Una casa nel cuore della letteratura

Da più di cinquant’anni il Literarisches Colloquium Berlin ha messo radici profonde nella vita letteraria berlinese, estendendo il suo raggio d’azione ben oltre i confini della città. La villa di fine Ottocento affacciata sul Wannsee è un luogo di sperimentazione che si apre agli eventi più diversi – presentazioni di libri, festival open-air, percorsi di reading, vernissage di mostre di illustrazione, e inoltre le interviste targate »Studio LCB« trasmesse in radio da Deutschlandfunk, le serie di incontri su temi politici, il laboratorio per autori/trici teatrali, la fiera di editoria indipendente »Kleine Verlage am Großen Wannsee« («Piccoli editori sul grande Wannsee»).

A stretto contatto con la direzione artistica della casa viene pubblicata fin dagli anni Sessanta la rivista letteraria »Sprache im technischen Zeitalter« («La lingua all’epoca della tecnica»). Ogni anno ha inoltre luogo il workshop per autori/trici di prosa »Autorenwerkstatt Prosa«, e ogni due vengono assegnati il premio Alfred Döblin, fondato da Günter Grass e organizzato in collaborazione con l’Accademia delle arti di Berlino, e il premio di critica letteraria fondato da Jörg A. Henle.

L’LCB ospita residenze d’artista di livello internazionale, mettendo a disposizione le sue camere ad autori/trici e traduttori/trici provenienti dalla Germania e dall’estero attraverso programmi di borse e di sovvenzione. Parallelamente si muove nel panorama mondiale e dà vita a progetti di scambio con particolare attenzione, in un primo momento, all’Europa centrale e orientale. Insieme alla fondazione Robert Bosch, l’LCB è responsabile del programma »Grenzgänger« per il finanziamento di soggiorni di ricerca nel mondo, indirizzato ad autori/trici, registi/e e fotografi/e che si occupano di temi di rilievo sociale.

Fondamentale il ruolo del sostegno alla traduzione: il workshop per traduttori tedeschi »Berliner Übersetzerwerkstatt«, l’incontro dei traduttori internazionali »Internationales Übersetzertreffen« e la Giornata mondiale della traduzione sono appuntamenti fissi nel programma annuale dell’LCB. Proprio per questo è nato qui il Deutscher Übersetzerfonds, il Fondo tedesco per i traduttori che da più di vent’anni propone un’ampia offerta di borse e di workshop, finanziati attraverso il programma TOLEDO »Übersetzer·innen im Austausch der Kulturen« («Traduttori/trici in cambio di culture»).

Dal 2006 il portale literaturport.de offre a più di mille autori/trici un porto digitale in cui approdano testi inediti, calendari di eventi letterari, guide ai premi e alle borse e la rete della scena letteraria internazionale a Berlino. La piattaforma audio dichterlesen.net, fondata nel 2011, costituisce l’archivio sonoro dell’LCB – una cooperazione con l’Archivio letterario tedesco di Marbach, le case della letteratura di Basilea e Stoccarda e la fondazione Lyrik Kabinett di Monaco di Baviera –, in cui le registrazioni degli eventi degli ultimi decenni e altri percorsi di ascolto confluiscono a creare una storia del reading letterario.

La molteplicità di linee e di progetti che il Literarisches Colloquium Berlin ha sviluppato negli anni è inscindibile dai suoi molteplici partner e finanziatori, tra cui il senato di Berlino, il ministero degli Esteri, la fondazione Robert Bosch, i delegati del governo federale per la Cultura e i Media, l’emittente radiofonica Deutschlandfunk, la fiera del libro di Lipsia, il Goethe Institut, il canale ARTE e il teatro Gorki. L’LCB è attivo nella Berliner Literaturkonferenz, l’unione delle case della letteratura di Berlino e dei fautori/trici della scena letteraria indipendente, così come nel network delle case della letteratura di lingua tedesca literaturhaus.net.

Traduzione: Marta Rosso

360